Lazio, parola a De Vrij: “Mi è dipsiciuto non giocare il derby. Rinnovo? Concentrato sul mio recupero, non sono previsti appuntamenti”

Il difensore della Lazio Stefan De Vrij è intervenuto in conferenza stampa nella giornata di oggi, dove ha parlato delle sue condizioni fisiche e del momento dei biancocelesti dopo la sconfitta nel derby e in vista della prossima sfida a Marassi contro la Sampdoria di sabato prossimo.

Come si è sentito a non giocare il derby?
“Mi è dispiaciuto non esserci, perché per noi è la partita dell’anno. Ero pronto, avrei voluto giocare, ma il mister ha fatto una scelta tattica che ho accettato in quanto il nostro allenatore vuole sempre il meglio. Avrei voluto vincere”.

Pronto per la Sampdoria?
“Sì. Avverto ancora qualche fastidio ma è normale”.

Cosa vi ha detto Inzaghi dopo il derby?
“Perdere fa sempre male, ma dobbiamo ripartire e dare il massimo sempre, insieme al nostro allenatore”:

Come valuta l’errore di Wallace?
“Mi stavo riscaldando, mi è dispiaciuto molto perché stava facendo benissimo, così come ha fatto anche in tutte le altre partite. Purtroppo queste cose capitano, mi dispiace per lui”.

Come immagina il suo futuro?
“Sono concentrato solo sul mio recupero. Voglio tornare in campo, perché per noi giocatori è importantissimo. Vedremo cosa succederà in futuro”.

Le provocazioni dei giocatori della Roma hanno influito sul risultato del derby?
“Non credo. Non abbiamo avvertito niente”.

Wallace ha le caratteristiche giuste per giocare insieme a lei?
“Penso di sì. Abbiamo già giocato insieme anche se nella difesa a tre. Siamo quattro difensori centrali molto forti e penso che tutti possano giocare con tutti”.

Il rinnovo?
“Non sono previsti appuntamenti a breve. Ripeto, al momento sono concentrato solo sul lavoro: l’anno scorso sono stato fuori praticamente per tutta la stagione e anche adesso sono dovuto rimanere ai box. Voglio giocare, sono contento di essere di nuovo disponibile”.

Ha avuto un chiarimento con Strootman dopo la partita visto che siete compagni di Nazionale?
“Non l’ho sentito dopo la gara”.

Cosa manca alla Lazio per essere al top e qual è il vostro l’obiettivo?
“Manca qualcosa in alcune partite, soprattutto con le squadre più forti d’Italia come Roma, Juventus e Milan. Dobbiamo essere più precisi e intelligenti. Contro le altre abbiamo fatto benissimo e non abbiamo perso tanti punti”.

Cosa le è piaciuto della squadra vedendola da fuori?
“Mi sono piaciute tante cose. Chiaramente però preferisco giocare e guardare le partite mi mette molta tensione. Sono tranquillo, penso che vinceremo tante partite. Contro la Sampdoria sarà difficile ma abbiamo voglia di fare i tre punti e penso che ci riusciremo”.

Qual è l’obiettivo della Lazio?
“Vogliamo tornare in Europa e siamo sulla strada giusta. In questo periodo abbiamo partite importanti con squadre difficili da affrontare. Dobbiamo farci trovare preparati”.

Cosa manca alla Lazio per essere uguale a quella di Pioli?
“Ogni campionato è a sé. Penso che il nostro valore sia simile a quello di due stagioni fa quando siamo arrivati terzi. Siamo concentrati sulla prossima partita che è quella più importante”.

Si sente migliorato?
“Si deve sempre crescere. A mio avviso posso ancora migliorare su tutto, specie nei movimenti e nella velocità. Mi sto allenando per questo. Ogni giorno cerco di dare il massimo per diventare più forte”.

Cosa pensa di Simone Inzaghi?
“Credo sia un grandissimo allenatore, bravo tatticamente e nella gestione. Mi piace molto lavorare con lui. Anche come persona non si discute, sa come spiegarci le cose per farci rendere al massimo”.

Che consiglio darebbe a Hoedt?
“Parliamo spesso tra di noi, siamo amici. Secondo me è un bravissimo giocatore che ha fatto vedere buone cose pur essendo giovane. Sta facendo benissimo, anche se in questo periodo non sta giocando molto. Penso comunque che presto arriverà una chance anche per lui”.

Lascia un commento